Favole di ieri, filastrocche di oggi (raccolta)

Le due bisacce

Purtroppo ,Giove non ha cambiato parere

e i nostri difetti non ci vuol far vedere;

alle due bisacce lo stesso verso ha lasciato

e il mondo intero è sempre più sollevato.

La rana e il bue

La rana del bue non è più invidiosa

ma, più che mai inver vanitosa,

lo guarda ora con commiserazione

e gli consiglia la liposuzione

mentre, “in linea” coi tempi moderni

davanti allo specchio passa le notti e i giorni,

ammirando, superba, le sue gambe snelle

che, come detta la moda, solo magre son belle.

Il lupo e l’agnello

L’ agnello, alla fine,dal lupo ha imparato

che chi è mite non è mai rispettato.

Ora, per fare valere anche i propri diritti,

ne promette e ne dà senza tregua a tutti

e poi si disseta come e dove gli pare

e fa tutto quello che gli va di fare.

 

L’ostrica e il topo

Non illudetevi ormai, brava gente,

che possa soccombere il prepotente;

sempre di più egli saprà essere prudente

e non succederà né ora né dopo

che faccia di nuovo la fine del topo.

Il leone e il sorcio

Una volta pure il leone aveva una coscienza,

oggi neanche il sorcio ha più riconoscenza

perché va di moda una nuova abitudine:

si ricambia il bene con l’ingratitudine.

La volpe e il corvo

Il corvo oggi è ritenuto saggio

perché si tiene stretto il suo formaggio.

Per nulla al mondo se lo lascerebbe scappare

e con la volpe in molti stanno sotto a guardare.

La cicala e la formica

La formica nella veste attuale

vuol la cicala in tutto imitare.

“Chi me lo fa fare a sgobbare e sudare

se in altro modo si può pure campare?

Potrei anch’io elemosinare

e, perché no, andare a rubare”.

La tartaruga lemme lemme

Ormai va di corsa la tartaruga

e, come gli altri, è sempre più in fuga;

i consigli che dava ha dimenticato

e per la vita frenetica ha, infine, optato.

Adesso neanche lei sa più dove andare

perché, come tutti ,ha rinunciato a… pensare.

Il gatto e le galline

Come rimpiangono i bei tempi passati

le rare galline sopravvissute;

uno sguardo bastava e per certo scoprivi

i pensieri nobili, i buoni e i cattivi.

Oggi il mondo è molto cambiato,

sempre di più è avvelenato

e sempre meglio sofisticato:

tutti si riescono a camuffare

come fai a capire chi ti vuole ingannare?

L’asino e le cicale

Ormai più nessuno di quel che ha è contento,

e a fare di più ogni giorno è intento.

“Più in alto salire! Sempre in alto mirare!”

E non puoi di un passo più indietreggiare.

Devi solo l’ asino saper bene imitare.